Giochi

I giochi dalla nascità ad un anno – come sceglierli?

Nessun commento

Quali sono i giochi più adatti nei primi mesi di vita del vostro bambino? In questo articolo noi di Akukù Store tentiamo di rispondere a tutti i vostri dubbi ed alle vostre domande, cercando di consigliarvi i prodotti maggiormente indicati alla crescita dei più piccoli.

I primi 3 mesi – quarto trimestre.

La nascita di un bambino è uno degli eventi più belli che un essere umano possa vivere. I genitori, in questa primissima fase, spinti dal desiderio di non far mancare nulla e dare il meglio per il piccolo di casa, tendono a riempire la stanza del bebè con giochi di ogni sorta. Ma questo non fa bene al neonato.

Ogni fase di crescita dell’infante necessita del supporto di determinati giochi adatti al suo sviluppo psicofisico e soprattutto in questa fase è bene che il bambino si concentri solo su un giocattolo alla volta, per evitare l’eccessiva stimolazione sensoriale.

Nei primi due/tre mesi i bambini più dei giochi hanno bisogno della presenza dei genitori, delle coccole e di tanti abbracci. Si dice che questa fase della vita del neonato sia in realtà una sorta di quarto trimestre di gravidanza, pertanto l’unica cosa di cui i piccoli necessitano è il contatto con la madre ma anche con il padre, che deve abituare il nascituro alla presenza di un’altra figura che non sia quella materna. Sin dai primi giorni il papà deve essere molto presente nella vita del neonato, con coccole e abbracci, o semplicemente tenendolo in braccio per molto tempo per instaurare un rapporto che con la mamma è naturale.

Sin dalle prime settimane di vita, è fondamentale abituare il bebè a mantenere la classica posizione a pancia in giù, per un corretto sviluppo della muscolatura. Per raggiungere tale obiettivo, vi sono molti oggetti ludici propedeutici, come i cuscini sensoriali o per esempio lo specchio sensoriale che saranno anche i primi giochi del nascituro.

Il sistema nervoso del neonato non è ancora formato del tutto, per tale motivo giochi propedeutici ed educativi devono aiutarlo nella crescita e nello sviluppo dei sensi ma non devono sovrastimolarlo. Stimolare il bebè con giochi, significa assecondare i suoi bisogni psicofisici e favorire la sua crescita. In questa fase della vita, il gioco deve interessare al massimo due sensi contemporaneamente (solitamente vista e tatto), onde evitare una sovrastimolazione che nuocerebbe al sistema nervoso del neonato. Se il gioco stimola più di due sensi, deve farlo in modo molto delicato. Possiamo inserire nella vita ludica del nostro bambino stimolazioni uditive (anche se la voce delle persone care è la stimolazione più grande), per mezzo di sonagli e simili, a patto però che abbiano un suono flebile e non fastidioso. Sono quindi dannosi, in questa fase, tutti quei giocattoli che emettano luci e suoni troppo forti.
Consulta i nostri giochi per i neonati -> Giochi.

Non è mai troppo presto per i libri.

Uno dei suoni più stimolanti per la mente del bambino è certamente quello della voce di un adulto, magari intento a “leggere” un libro. Ovviamente i libri per neonati non contengono testo (o se sì, sono solo frasi corte o semplici parole) ma sta all’adulto raccontare le immagini raffigurate. Le immagini dei primi libri devono essere semplici e a contrasto (bianco su nero; rosso su nero; verde su bianco ecc) con bordi netti. Solo così il bambino riesce a vedere bene cosa gli viene mostrato e può focalizzare lo sguardo sui dettagli. Le immagini con tanti oggetti e molto colorati saranno sovrastimolanti e non attraenti per un neonato.

Quando mi siedo.

Attorno ai sei/otto mesi, l’infante acquisisce la capacità di stare seduto in maniera corretta senza aiuti. In questo periodo della vita del nostro piccolo, possiamo introdurre i cosiddettigiochi impilabili“, cioè tutti quei giochi che incoraggiano il bambino a sviluppare la coordinazione occhio-mano. Perfette a tal proposito sono le costruzioni o la Torre di Hanoi. Ovviamente in questa fase il genitore gioca un ruolo fondamentale nella crescita e nell’apprendimento del piccolo. Mamma e papà dovranno guidare il loro bambino passo dopo passo, in maniera tale da indirizzarlo su come usare il gioco, senza limitarne la fantasia! Il bambino non è in grado ancora di usare il gioco in modo corretto e non ci possiamo aspettare che inizi a contruire le torri già a 6 mesi però inizia a familiarizzare con il gioco da seduto, impara ad allenare la concentrazione, conosce nuove forme e colori da una diversa prospettiva (da seduto).
In questa fase della vita sono perfetti anche giochi come la palla, che muovendosi, stimola l’infante ad inseguirla ”a modo suo” e preparare i muscoli per gattonare ed abituare il bimbo al movimento.
In questo momento della crescita del nostro bebè, possiamo introdurre i libri tattili che saranno molto attraenti per il bambino dove la percezione degli stessi avviene dalla giusta prospettiva perchè da seduto con il libro davanti.

Mamma, io cammino!

Quando il bebè riesce a stare in piedi da solo (attorno all’anno di età), possiamo introdurre i giochi d’equilibrio, che lo aiuteranno appunto in maniera naturale ad imparare a camminare. Oltre ai classici carrelli “primi passi”, vi sono anche carrelli dotati di costruzioni e mini-giochi che stimolano i sensi del nostro piccolo nei primi passi della loro vita. Questi sono i giochi che danno la motivazione al movimento ed incoraggiano alle prime scoperte in piedi perchè offrono sicurezza appoggiandosi sul manico del carrello.

Intorno ad  un anno di vita, consigliamo anche i giochi “ad incastro”, come i puzzle o tutti quei giochi che stimolano il riconoscimento di forme, dimensioni e colori e sviluppano le loro capacità cognitive. Chiaramente a questa età, il bebè non riesce da solo a risolvere un puzzle o riconoscere le forme; per questo è molto importante giocare assieme al nostro bebè. Sarà ancora una volta l’adulto a giocare un ruolo fondamentale nella vita ludica del piccolo.

Nel nostro store troverai tutto ciò che serve alla crescita ludica del tuo bebè, rispettando i nostri standard: tutti i giochi Akukù sono eco-friendly, anallergici, dipinti in maniera naturale e sicuri al 100%. Qualità e sicurezza certificate per la crescita del tuo bambino.

Autore: Dott.ssa Sandra Skrzek – Psicologa
Copywriter: Stefano Procacci

Tags: giochi, neonato, sei mesi, un anno
Devi essere connesso per inviare un commento.
Menu